Filter

Grey (13)

Brown (12)

Green (8)

Yellow (7)

Red (6)

Orange (1)

Black (1)

White (1)

0300-01-01 (17)

{"lng":14.333992341812205,"lat":37.364919307506696} (1)

{"lng":14.334333334639268,"lat":37.36491508859362} (1)

{"lng":14.334408739857054,"lat":37.364538681393} (1)

{"lng":14.33471003602682,"lat":37.36479874289331} (1)

{"lng":14.334849228706105,"lat":37.36465288056169} (1)

{"lng":14.334942561393007,"lat":37.36508983071657} (1)

{"lng":14.334946617482899,"lat":37.36486474728811} (1)

{"lng":14.334959407387231,"lat":37.36503016953935} (1)

{"lng":14.335033895798205,"lat":37.36504293820583} (1)

{"lng":14.335091740916681,"lat":37.364786473707525} (1)

{"lng":14.335140734529062,"lat":37.36492596716212} (1)

{"lng":14.335148960994644,"lat":37.36464592759235} (1)

{"lng":14.335157867365723,"lat":37.36475054262132} (1)

{"lng":14.335176830350463,"lat":37.36479813757572} (1)

{"lng":14.335204948937957,"lat":37.36465737706487} (1)

{"lng":14.335225529011922,"lat":37.36474110777725} (1)

{"lng":14.335238470915925,"lat":37.36466862925623} (1)

art (35)

person (32)

human (32)

mosaic (32)

tile (23)

drawing (23)

painting (23)

ancient history (21)

history (21)

sketch (21)

text (21)

architecture (20)

cartoon (19)

building (18)

mythology (18)

middle ages (18)

textile (17)

tapestry (17)

rug (17)

flagstone (17)

prophet (17)

book (16)

illustration (16)

animal (15)

Mosaic (13)

Structure (4)

Ingresso ai bagni / Entrance to the Baths
L'ingresso alle terme di Villa Romana del Casale si trova all'angolo NO del peristilio, tra questo e la palestra.Questa piccola stanza leggermente irregolare serviva da passaggio dalla parte principale della villa alle terme. Dal peristilio i visitatori sono scesi alcuni gradini nella stanza da dove altri pochi gradini conducono nella palestra. La stanza ha panche lungo due lati, ed è stata probabilmente usata come un apodyterium, una stanza per cambiare i vestiti prima e dopo i bagni.Il mosaico sul pavimento mostra una donna al centro, con i suoi due figli ai lati, diretti verso i bagni. Le due persone agli estremi della composizione sono due schiavi domestici, uno che trasporta i vestiti per il bagno, l'altro che trasporta gli utensili usati per massaggiare il corpo con olio durante i bagni. In un angolo tra le due rampe di scale è raffigurata una sedia e altri oggetti.C'è stato un certo disaccordo sull'identità delle persone nei mosiaci. Il mosaico è generalmente interpretato come raffigurante la padrona di casa, la domina, con i suoi due figli. Chi sono esattamente dipende in gran parte da chi si ritiene sia stato il proprietario della villa.I mosaici sono molto ben conservati, a differenza del resto degli elementi decorativi della stanza.The entrance to the baths of the Villa Romana del Casale is located at the NW corner of the peristyle, between this and the palestra.This small, slightly irregular room served as the passage from the main part of the villa to the thermal baths. From the peristyle the visitors descended a few steps into the room from where another few steps lead down into the palestra. The room has benches along two sides, and has probably been used as an apodyterium, a room for changing clothes before and after the baths.The mosaic on the floor shows a woman at the centre, with her two children at the sides, on their way to the baths. The two persons at the extremes of the composition are two domestic slaves, one carrying the clothes for the bath, the other carrying the utensils used for massaging the body with oil during the baths. In a corner between the two flights of steps is depicted a chair and other objects.There has been some disagreement about the identity of persons on the mosiacs. The mosaic is generally interpreted as depicting the lady of the house, the domina, with her two children. Who exactly they are depends largely on who one believes to have been the owner of the villa.The mosaics are very well preserved, unlike the rest of the decorative elements of the room.Photo by Brenda Pokorny
DSC_0565_2.JPG
Ingresso ai bagni / Entrance to the Baths
L'ingresso alle terme di Villa Romana del Casale si trova all'angolo NO del peristilio, tra questo e la palestra.Questa piccola stanza leggermente irregolare serviva da passaggio dalla parte principale della villa alle terme. Dal peristilio i visitatori sono scesi alcuni gradini nella stanza da dove altri pochi gradini conducono nella palestra. La stanza ha panche lungo due lati, ed è stata probabilmente usata come un apodyterium, una stanza per cambiare i vestiti prima e dopo i bagni.Il mosaico sul pavimento mostra una donna al centro, con i suoi due figli ai lati, diretti verso i bagni. Le due persone agli estremi della composizione sono due schiavi domestici, uno che trasporta i vestiti per il bagno, l'altro che trasporta gli utensili usati per massaggiare il corpo con olio durante i bagni. In un angolo tra le due rampe di scale è raffigurata una sedia e altri oggetti.C'è stato un certo disaccordo sull'identità delle persone nei mosiaci. Il mosaico è generalmente interpretato come raffigurante la padrona di casa, la domina, con i suoi due figli. Chi sono esattamente dipende in gran parte da chi si ritiene sia stato il proprietario della villa.I mosaici sono molto ben conservati, a differenza del resto degli elementi decorativi della stanza.The entrance to the baths of the Villa Romana del Casale is located at the NW corner of the peristyle, between this and the palestra.This small, slightly irregular room served as the passage from the main part of the villa to the thermal baths. From the peristyle the visitors descended a few steps into the room from where another few steps lead down into the palestra. The room has benches along two sides, and has probably been used as an apodyterium, a room for changing clothes before and after the baths.The mosaic on the floor shows a woman at the centre, with her two children at the sides, on their way to the baths. The two persons at the extremes of the composition are two domestic slaves, one carrying the clothes for the bath, the other carrying the utensils used for massaging the body with oil during the baths. In a corner between the two flights of steps is depicted a chair and other objects.There has been some disagreement about the identity of persons on the mosiacs. The mosaic is generally interpreted as depicting the lady of the house, the domina, with her two children. Who exactly they are depends largely on who one believes to have been the owner of the villa.The mosaics are very well preserved, unlike the rest of the decorative elements of the room.Photo by Brenda Pokorny
DSC_0565_2.JPG
Sala di Orfeo / Hall of Orpheus
La Sala di Orfeo è una sala o una piccola basilica nella Villa Romana del Casale. Si trova sul lato S. del peristilio, vicino alla Stanza con le ragazze in bikini.La sala è una stanza di 10 × 8 m con un'abside all'estremità di S., preceduta da due colonne. Al centro della stanza c'era una fontana e nell'abside si trova la base per uno status di Apollo. Il torso di questo stato è stato trovato all'angolo durante gli scavi ed è stato riportato alla sua posizione originale.Il mosaico che copre l'intera stanza, raffigura Orfeo mentre attira gli animali selvaggi con la sua musica. Di fronte all'abside il poeta tracio è seduto su una roccia, sotto un albero alto che si estende nell'abside. È vestito con un mantello viola e scarpe rosse.Il resto del pavimento è coperto da rappresentazioni di animali selvatici, 45 in tutto, sedotti dalla bella musica. La disposizione è piuttosto libera, ma generalmente gli animali terrestri più grandi sono verso l'ingresso, gli animali terrestri più piccoli nel mezzo e gli uccelli verso l'abside. Tra gli animali ci sono un elefante, un dromedario, un orso, varie antilopi, un leone, una tigre, un pavone, un'oca, un istrice, una lucertola e molti altri. Gran parte degli animali proviene dall'Africa, ma non tutti. Ci sono anche alcuni animali mitici, come la Fenice e un grifone.Questo mosaico è, molto simile al mosaico simile nella Sala di Arion, una celebrazione del potere dell'intelletto umano, rappresentato dalla musica e dalla poesia, sulle forze selvagge della natura. Dove Arione sottomette gli animali del mare, Orfeo fa lo stesso con gli animali terrestri.Sfortunatamente, il mosaico è molto danneggiato. Mancano parti enormi, compresa la metà della figura di Orfeo, ma rimane abbastanza per dare una buona impressione della scena.L'uso esatto della stanza non è noto, ma dato che l'ingresso è direttamente dal peristilio, la sala probabilmente aveva uno scopo pubblico. Se la teoria dell'occupazione padre-figlio della villa fosse corretta, questa potrebbe essere stata la sala delle udienze del figlio, proprio come sarebbe stata la Grande Basilica per il padre. Potrebbe anche essere stata una stanza per attività ricreative, come l'elenco di musica, poesia e lettura.The Hall of Orpheus is a hall or small basilica in the Villa Romana del Casale. It is located at the S. side of the peristyle, near the Room with Girls in Bikini.The hall is a 10×8m room with an apse at the S. end, preceded by two columns. At the centre of the room was a fountain and in the apse is the base for a status of Apollo. The torso of this status was found in corner during the excavations and has been restored to its original location.The mosaic that covers the entire room, depicts Orpheus as he entices the wild animals with his music. In front of the apse the Thracian poet is sitting on a rock, under a tall tree that extends into the apse. He is dressed in a purple mantle and red shoes.The rest of the floor is covered with representations of the wild animals, 45 in all, seduced by the beautiful music. The disposition is rather free, but generally the larger land animals are towards the entrance, the smaller land animals in the middle and the birds towards the apse. Among the animals there are an elephant, a dromedary, a bear, various antelopes, a lion, a tiger, a peacock, a goose, a porcupine, a lizard and many others. A large part of the animals are from Africa, but not all. There are also some mythical animals, such as the Phoenix and a griffin.This mosaic is, much like the similar mosaic in the Hall of Arion, a celebration of the power of the human intellect, represented by music and poetry, over the savage forces of nature. Where Arion subdues the animals of the sea, Orpheus does the same to the terrestrial animals.Unfortunately, the mosaic is very damaged. Huge parts are missing, including half of the figure of Orpheus, but enough remains to give a good impression of the scene.The exact use of the room is not known, but given the entrance is directly from the peristyle the hall probably had a public purpose. If the theory of a father-son occupation of the villa is correct, this could have been the audience hall of the son, just as the Great Basilica would have been for the father. It could also have been a room for leisure activities, like listening to music, poetry and reading.From http://sights.seindal.dk/sight/478_Hall_of_Orpheus.html
Diaeta_of_Orpheus_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Sala di Orfeo / Hall of Orpheus
La Sala di Orfeo è una sala o una piccola basilica nella Villa Romana del Casale. Si trova sul lato S. del peristilio, vicino alla Stanza con le ragazze in bikini.La sala è una stanza di 10 × 8 m con un'abside all'estremità di S., preceduta da due colonne. Al centro della stanza c'era una fontana e nell'abside si trova la base per uno status di Apollo. Il torso di questo stato è stato trovato all'angolo durante gli scavi ed è stato riportato alla sua posizione originale.Il mosaico che copre l'intera stanza, raffigura Orfeo mentre attira gli animali selvaggi con la sua musica. Di fronte all'abside il poeta tracio è seduto su una roccia, sotto un albero alto che si estende nell'abside. È vestito con un mantello viola e scarpe rosse.Il resto del pavimento è coperto da rappresentazioni di animali selvatici, 45 in tutto, sedotti dalla bella musica. La disposizione è piuttosto libera, ma generalmente gli animali terrestri più grandi sono verso l'ingresso, gli animali terrestri più piccoli nel mezzo e gli uccelli verso l'abside. Tra gli animali ci sono un elefante, un dromedario, un orso, varie antilopi, un leone, una tigre, un pavone, un'oca, un istrice, una lucertola e molti altri. Gran parte degli animali proviene dall'Africa, ma non tutti. Ci sono anche alcuni animali mitici, come la Fenice e un grifone.Questo mosaico è, molto simile al mosaico simile nella Sala di Arion, una celebrazione del potere dell'intelletto umano, rappresentato dalla musica e dalla poesia, sulle forze selvagge della natura. Dove Arione sottomette gli animali del mare, Orfeo fa lo stesso con gli animali terrestri.Sfortunatamente, il mosaico è molto danneggiato. Mancano parti enormi, compresa la metà della figura di Orfeo, ma rimane abbastanza per dare una buona impressione della scena.L'uso esatto della stanza non è noto, ma dato che l'ingresso è direttamente dal peristilio, la sala probabilmente aveva uno scopo pubblico. Se la teoria dell'occupazione padre-figlio della villa fosse corretta, questa potrebbe essere stata la sala delle udienze del figlio, proprio come sarebbe stata la Grande Basilica per il padre. Potrebbe anche essere stata una stanza per attività ricreative, come l'elenco di musica, poesia e lettura.The Hall of Orpheus is a hall or small basilica in the Villa Romana del Casale. It is located at the S. side of the peristyle, near the Room with Girls in Bikini.The hall is a 10×8m room with an apse at the S. end, preceded by two columns. At the centre of the room was a fountain and in the apse is the base for a status of Apollo. The torso of this status was found in corner during the excavations and has been restored to its original location.The mosaic that covers the entire room, depicts Orpheus as he entices the wild animals with his music. In front of the apse the Thracian poet is sitting on a rock, under a tall tree that extends into the apse. He is dressed in a purple mantle and red shoes.The rest of the floor is covered with representations of the wild animals, 45 in all, seduced by the beautiful music. The disposition is rather free, but generally the larger land animals are towards the entrance, the smaller land animals in the middle and the birds towards the apse. Among the animals there are an elephant, a dromedary, a bear, various antelopes, a lion, a tiger, a peacock, a goose, a porcupine, a lizard and many others. A large part of the animals are from Africa, but not all. There are also some mythical animals, such as the Phoenix and a griffin.This mosaic is, much like the similar mosaic in the Hall of Arion, a celebration of the power of the human intellect, represented by music and poetry, over the savage forces of nature. Where Arion subdues the animals of the sea, Orpheus does the same to the terrestrial animals.Unfortunately, the mosaic is very damaged. Huge parts are missing, including half of the figure of Orpheus, but enough remains to give a good impression of the scene.The exact use of the room is not known, but given the entrance is directly from the peristyle the hall probably had a public purpose. If the theory of a father-son occupation of the villa is correct, this could have been the audience hall of the son, just as the Great Basilica would have been for the father. It could also have been a room for leisure activities, like listening to music, poetry and reading.From http://sights.seindal.dk/sight/478_Hall_of_Orpheus.html
Diaeta_of_Orpheus_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Sala di Orfeo / Hall of Orpheus
La Sala di Orfeo è una sala o una piccola basilica nella Villa Romana del Casale. Si trova sul lato S. del peristilio, vicino alla Stanza con le ragazze in bikini.La sala è una stanza di 10 × 8 m con un'abside all'estremità di S., preceduta da due colonne. Al centro della stanza c'era una fontana e nell'abside si trova la base per uno status di Apollo. Il torso di questo stato è stato trovato all'angolo durante gli scavi ed è stato riportato alla sua posizione originale.Il mosaico che copre l'intera stanza, raffigura Orfeo mentre attira gli animali selvaggi con la sua musica. Di fronte all'abside il poeta tracio è seduto su una roccia, sotto un albero alto che si estende nell'abside. È vestito con un mantello viola e scarpe rosse.Il resto del pavimento è coperto da rappresentazioni di animali selvatici, 45 in tutto, sedotti dalla bella musica. La disposizione è piuttosto libera, ma generalmente gli animali terrestri più grandi sono verso l'ingresso, gli animali terrestri più piccoli nel mezzo e gli uccelli verso l'abside. Tra gli animali ci sono un elefante, un dromedario, un orso, varie antilopi, un leone, una tigre, un pavone, un'oca, un istrice, una lucertola e molti altri. Gran parte degli animali proviene dall'Africa, ma non tutti. Ci sono anche alcuni animali mitici, come la Fenice e un grifone.Questo mosaico è, molto simile al mosaico simile nella Sala di Arion, una celebrazione del potere dell'intelletto umano, rappresentato dalla musica e dalla poesia, sulle forze selvagge della natura. Dove Arione sottomette gli animali del mare, Orfeo fa lo stesso con gli animali terrestri.Sfortunatamente, il mosaico è molto danneggiato. Mancano parti enormi, compresa la metà della figura di Orfeo, ma rimane abbastanza per dare una buona impressione della scena.L'uso esatto della stanza non è noto, ma dato che l'ingresso è direttamente dal peristilio, la sala probabilmente aveva uno scopo pubblico. Se la teoria dell'occupazione padre-figlio della villa fosse corretta, questa potrebbe essere stata la sala delle udienze del figlio, proprio come sarebbe stata la Grande Basilica per il padre. Potrebbe anche essere stata una stanza per attività ricreative, come l'elenco di musica, poesia e lettura.The Hall of Orpheus is a hall or small basilica in the Villa Romana del Casale. It is located at the S. side of the peristyle, near the Room with Girls in Bikini.The hall is a 10×8m room with an apse at the S. end, preceded by two columns. At the centre of the room was a fountain and in the apse is the base for a status of Apollo. The torso of this status was found in corner during the excavations and has been restored to its original location.The mosaic that covers the entire room, depicts Orpheus as he entices the wild animals with his music. In front of the apse the Thracian poet is sitting on a rock, under a tall tree that extends into the apse. He is dressed in a purple mantle and red shoes.The rest of the floor is covered with representations of the wild animals, 45 in all, seduced by the beautiful music. The disposition is rather free, but generally the larger land animals are towards the entrance, the smaller land animals in the middle and the birds towards the apse. Among the animals there are an elephant, a dromedary, a bear, various antelopes, a lion, a tiger, a peacock, a goose, a porcupine, a lizard and many others. A large part of the animals are from Africa, but not all. There are also some mythical animals, such as the Phoenix and a griffin.This mosaic is, much like the similar mosaic in the Hall of Arion, a celebration of the power of the human intellect, represented by music and poetry, over the savage forces of nature. Where Arion subdues the animals of the sea, Orpheus does the same to the terrestrial animals.Unfortunately, the mosaic is very damaged. Huge parts are missing, including half of the figure of Orpheus, but enough remains to give a good impression of the scene.The exact use of the room is not known, but given the entrance is directly from the peristyle the hall probably had a public purpose. If the theory of a father-son occupation of the villa is correct, this could have been the audience hall of the son, just as the Great Basilica would have been for the father. It could also have been a room for leisure activities, like listening to music, poetry and reading.From http://sights.seindal.dk/sight/478_Hall_of_Orpheus.html
Diaeta_of_Orpheus_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg