Filter

Grey (13)

Brown (12)

Green (8)

Yellow (7)

Red (6)

Orange (1)

Black (1)

White (1)

0300-01-01 (17)

{"lng":14.333992341812205,"lat":37.364919307506696} (1)

{"lng":14.334333334639268,"lat":37.36491508859362} (1)

{"lng":14.334408739857054,"lat":37.364538681393} (1)

{"lng":14.33471003602682,"lat":37.36479874289331} (1)

{"lng":14.334849228706105,"lat":37.36465288056169} (1)

{"lng":14.334942561393007,"lat":37.36508983071657} (1)

{"lng":14.334946617482899,"lat":37.36486474728811} (1)

{"lng":14.334959407387231,"lat":37.36503016953935} (1)

{"lng":14.335033895798205,"lat":37.36504293820583} (1)

{"lng":14.335091740916681,"lat":37.364786473707525} (1)

{"lng":14.335140734529062,"lat":37.36492596716212} (1)

{"lng":14.335148960994644,"lat":37.36464592759235} (1)

{"lng":14.335157867365723,"lat":37.36475054262132} (1)

{"lng":14.335176830350463,"lat":37.36479813757572} (1)

{"lng":14.335204948937957,"lat":37.36465737706487} (1)

{"lng":14.335225529011922,"lat":37.36474110777725} (1)

{"lng":14.335238470915925,"lat":37.36466862925623} (1)

art (35)

person (32)

human (32)

mosaic (32)

tile (23)

drawing (23)

painting (23)

ancient history (21)

history (21)

sketch (21)

text (21)

architecture (20)

cartoon (19)

building (18)

mythology (18)

middle ages (18)

textile (17)

tapestry (17)

rug (17)

flagstone (17)

prophet (17)

book (16)

illustration (16)

animal (15)

Mosaic (13)

Structure (4)

Ingresso ai bagni / Entrance to the Baths
L'ingresso alle terme di Villa Romana del Casale si trova all'angolo NO del peristilio, tra questo e la palestra.Questa piccola stanza leggermente irregolare serviva da passaggio dalla parte principale della villa alle terme. Dal peristilio i visitatori sono scesi alcuni gradini nella stanza da dove altri pochi gradini conducono nella palestra. La stanza ha panche lungo due lati, ed è stata probabilmente usata come un apodyterium, una stanza per cambiare i vestiti prima e dopo i bagni.Il mosaico sul pavimento mostra una donna al centro, con i suoi due figli ai lati, diretti verso i bagni. Le due persone agli estremi della composizione sono due schiavi domestici, uno che trasporta i vestiti per il bagno, l'altro che trasporta gli utensili usati per massaggiare il corpo con olio durante i bagni. In un angolo tra le due rampe di scale è raffigurata una sedia e altri oggetti.C'è stato un certo disaccordo sull'identità delle persone nei mosiaci. Il mosaico è generalmente interpretato come raffigurante la padrona di casa, la domina, con i suoi due figli. Chi sono esattamente dipende in gran parte da chi si ritiene sia stato il proprietario della villa.I mosaici sono molto ben conservati, a differenza del resto degli elementi decorativi della stanza.The entrance to the baths of the Villa Romana del Casale is located at the NW corner of the peristyle, between this and the palestra.This small, slightly irregular room served as the passage from the main part of the villa to the thermal baths. From the peristyle the visitors descended a few steps into the room from where another few steps lead down into the palestra. The room has benches along two sides, and has probably been used as an apodyterium, a room for changing clothes before and after the baths.The mosaic on the floor shows a woman at the centre, with her two children at the sides, on their way to the baths. The two persons at the extremes of the composition are two domestic slaves, one carrying the clothes for the bath, the other carrying the utensils used for massaging the body with oil during the baths. In a corner between the two flights of steps is depicted a chair and other objects.There has been some disagreement about the identity of persons on the mosiacs. The mosaic is generally interpreted as depicting the lady of the house, the domina, with her two children. Who exactly they are depends largely on who one believes to have been the owner of the villa.The mosaics are very well preserved, unlike the rest of the decorative elements of the room.Photo by Brenda Pokorny
DSC_0565_2.JPG
Ingresso ai bagni / Entrance to the Baths
L'ingresso alle terme di Villa Romana del Casale si trova all'angolo NO del peristilio, tra questo e la palestra.Questa piccola stanza leggermente irregolare serviva da passaggio dalla parte principale della villa alle terme. Dal peristilio i visitatori sono scesi alcuni gradini nella stanza da dove altri pochi gradini conducono nella palestra. La stanza ha panche lungo due lati, ed è stata probabilmente usata come un apodyterium, una stanza per cambiare i vestiti prima e dopo i bagni.Il mosaico sul pavimento mostra una donna al centro, con i suoi due figli ai lati, diretti verso i bagni. Le due persone agli estremi della composizione sono due schiavi domestici, uno che trasporta i vestiti per il bagno, l'altro che trasporta gli utensili usati per massaggiare il corpo con olio durante i bagni. In un angolo tra le due rampe di scale è raffigurata una sedia e altri oggetti.C'è stato un certo disaccordo sull'identità delle persone nei mosiaci. Il mosaico è generalmente interpretato come raffigurante la padrona di casa, la domina, con i suoi due figli. Chi sono esattamente dipende in gran parte da chi si ritiene sia stato il proprietario della villa.I mosaici sono molto ben conservati, a differenza del resto degli elementi decorativi della stanza.The entrance to the baths of the Villa Romana del Casale is located at the NW corner of the peristyle, between this and the palestra.This small, slightly irregular room served as the passage from the main part of the villa to the thermal baths. From the peristyle the visitors descended a few steps into the room from where another few steps lead down into the palestra. The room has benches along two sides, and has probably been used as an apodyterium, a room for changing clothes before and after the baths.The mosaic on the floor shows a woman at the centre, with her two children at the sides, on their way to the baths. The two persons at the extremes of the composition are two domestic slaves, one carrying the clothes for the bath, the other carrying the utensils used for massaging the body with oil during the baths. In a corner between the two flights of steps is depicted a chair and other objects.There has been some disagreement about the identity of persons on the mosiacs. The mosaic is generally interpreted as depicting the lady of the house, the domina, with her two children. Who exactly they are depends largely on who one believes to have been the owner of the villa.The mosaics are very well preserved, unlike the rest of the decorative elements of the room.Photo by Brenda Pokorny
DSC_0565_2.JPG
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg
Peristasi / Peristyle
Il peristilio è la parte centrale di Villa Romana del Casale. Dal peristilio si accede ai bagni termali attraverso l'ingresso ai bagni, alle stanze di servizio con mosaici geometrici, alla stanza delle stagioni, alla stanza della piccola caccia sul lato nord, tramite tre scale per il Corridoio della Grande Caccia sul lato est e l'anticamera della Stanza con le ragazze in bikini, la Sala di Orfeo e un corridoio che conduce il Peristilio ellittico sul lato sud. L'ingresso al peristilio proviene dall'atrio attraverso il tablinum.Il peristilio è uno spazio trapezoidale, quasi rettangolare, che misura circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). È circondato su tutti e quattro i lati da un portico sorretto da un colonnato di sottili colonne di granito con capitelli corinzi, dieci sui lati più lunghi, otto sui lati più corti. Non tutte le colonne hanno la stessa altezza (probabilmente perché sono riutilizzate da edifici precedenti), quindi alcune sono posizionate su prese elevate in muratura. Tra le colonne un basso muro di mattoni ricoperto di marmo separava il portico dal giardino centrale.Al centro del peristilio c'è una fontana. Il bacino è orientato prevalentemente a est-ovest. È di forma rettangolare, con un allargamento circolare nel mezzo e bacini semicircolari inseriti alle estremità, con la parte circolare verso il centro. Nel mezzo della fontana c'è una piccola statua. La fontana ha ricevuto la sua acqua dall'est dei due acquedotti. L'interno del bacino era coperto di mosaici geometrici lungo il bordo e nella parte inferiore.Proprio di fronte al tablinum si trova il larario, un piccolo santuario per gli dei della casa che è sempre posto vicino all'ingresso di una casa romana. È una piccola stanza quadrata che si inserisce tra due colonne del portico. Il larario ha una piccola abside affiancata da due colonne. I resti dell'altare si trovano nella parte inferiore dell'abside. Il mosaico quadrato ha un motivo geometrico di quadrati che formano una stella a otto punte in cui è presente una ghirlanda di alloro con una fascia colorata. Al centro della ghirlanda c'è una grande foglia di edera. Il motivo dell'edera si ripete sotto l'abside dove è presente un ramo di edera con diverse foglie. Il mosaico è normalmente coperto di sabbia per proteggerlo dalle intemperie.L'intera area sotto il portico è coperta di mosaici. Rabescature di tre fasce intrecciate, intrecciate negli angoli, dividono il pavimento in elementi quadrati. In ogni quadrato è inserita una ghirlanda di alloro circolare, alternativamente a foglie verdi su sfondo nero con una fascia rosso / rosa e con foglie dorate su sfondo rosso con una fascia verde. All'interno delle ghirlande si trovano teste di diversi animali, sia selvatici che domestici, alcuni mostrati a faccia intera, alcuni a mezza faccia e altri di profilo. Piccoli uccelli e foglie di edera sono inseriti negli angoli tra ghirlande e rabescature.Di fronte alla rampa di scale centrale che conduce al Corridoio della Grande Caccia il mosaico originale era stato modificato. La data di questa modifica non è certa, ma a volte è probabilmente tra il 500 CE e l'800 CE. Davanti alle scale c'è un disegno geometrico a zig-zag, e lungo i lati di questo ci sono rami di edera mal fatta.Lungo il lato S. ci sono alcuni resti di dipinti murali. Rimangono i piedi di tre figure in campi rettangolari separati, due persone sembrano contenere scudi e uno sembra essere vestito con una tunica o toga ricamata a lungo.The peristyle is the central part of the Villa Romana del Casale. From the peristyle there is access to the thermal baths through the entrance to the baths, to the Service rooms with geometric mosaics, to the Room of the Seasons, to the Room of the Little Hunt on the north side, by means of three stairs to the Corridor of the Great Hunt on the east side, and to the antechamber of the Room with Girls in Bikini, the Room of Orpheus and a corridor leading the Elliptical Peristyle on the south side. The entrance to the peristyle is from the atrium via the tablinum.The peristyle is a trapezoidal, almost rectangular space, measuring circa 40x30m (N 40m, E 30m, S 38m, W 31m). It is surrounded on all four sides by a portico supported by a colonnade of slender granite columns with Corinthian capitals, ten on the longer sides, eight on the shorter sides. Not all the columns are of equal height (probably because they are reused from earlier buildings) so some are placed on elevated sockets in brickwork. Between the columns a low marble covered brick wall separated the portico from the central garden.In the centre of the peristyle is a fountain. The basin in oriented mostly east-west. It is rectangular in shape, with a circular widening in the middle and semi-circular basins inserted at the ends, with the circular part towards the centre. In the middle of the fountain is a small statue. The fountain received its water from the eastern of the two aqueducts. The inside of the basin was covered with geometric mosaics along the border and at the bottom.Just in front of tablinum is the lararium, a small shrine for the house gods that is always placed near the entrance of a roman house. It is a small square room that fits in between two columns of the portico. The lararium has a small apse flanked by two columns. The remains of the altar is in the bottom of the apse. The square mosaic has a geometric pattern of squares that form an eight pointed star in which there is a garland of laurel with a coloured band. In the centre of the garland is a large ivy leaf. The ivy motif is repeated under the apse where there is a branch of ivy with several leaves. The mosaic is normally covered with sand to protect it from the weather.The whole area under the portico is covered with mosaics. Guilloches of three interwoven bands, intricately connected in the corners, divide the floor into square elements. In each square is inserted a circular garland of laurel, alternately with green leaves on a black background with a red/pink band and with golden leaves on a red background with a green band. Within the garlands are heads of different animals, both wild and domestic, some shown full-face, some half-face and others in profile. Small birds and leaves of ivy are inserted into the corners between the garlands and the guilloches.In front of the central flight of stairs leading to the Corridor of the Great Hunt the original mosaic had been changed. The date of this change is not certain, but it is probably sometimes between 500 CE and 800 CE. In front of the stairs is a geometric zig-zag pattern, and along the sides of this are branches of poorly done ivy.Along the S. side there are some remains of wall paintings. The feet of three figures in separate rectangular fields remain, two persons appear to hold shields and one seems to be dress in a feet long embroidered tunic or toga.From http://sights.seindal.dk/sight/465_Peristyle.html
Floor_mosaics_-_Peristyle_-_Villa_Romana_del_Casale_-_Italy_2015.jpeg